Forza Italia: «L’Ucoii va sciolta»

Roma. Undici senatori di Forza Italia presenteranno «all’immediata riapertura dei lavori parlamentari» una mozione che, in base alla legge Mancino, chiede lo «scioglimento dell’Ucoii», l’Unione delle comunità islamiche in Italia. Nella richiesta, oltre al testo dell’inserzione pubblicitaria sul Quotidiano nazionale, per la quale la Procura della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo sono richiamate una serie di affermazioni e documenti dell’Ucoii e dei suoi dirigenti in cui emerge «l’incitamento all’odio verso Israele e gli ebrei in generale, insieme alla giustificazione degli atti terroristici degli estremisti islamici, come conferma il rifiuto opposto alla richiesta di condanna dell’inserzione».
I senatori azzurri chiedono che il governo dia attuazione alla legge Mancino che vieta «ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi».
Intanto l’Unione delle comunità e organizzazioni islamiche in Italia si riunirà oggi a Bologna per discutere l’esito della riunione straordinaria della Consulta per l’Islam in Italia convocata dal ministro dell’Interno Giuliano Amato, per rispondere alle polemiche sulle uccisioni dell’esercito israeliano in Libano alle stragi naziste.