"Fossi solo bella non sarei qui E sull’Isola prevedo scintille"

La showgirl Belen Rodriguez: "Spero di rimanere in Honduras almeno due settimane. I miei favoriti? Luxuria e Ciavarro". Poi la confessione: "Se una è 'bona' ma scema, la gente cambia subito canale"

Cara Belen Rodriguez, per quei pochi che non la conoscono e, ahiloro, non l’hanno mai vista, da quanto tempo è in Italia?
«Ormai sono quattro anni».

Lei è argentina, ma parla un italiano perfetto. Dove l’ha imparato?
«Da sola, sono autodidatta».

Riepiloghiamo. Nella tv italiana cosa ha fatto finora?
«Tintoria su Raitre, lo show Circo Massimo con Frizzi, sempre su Raitre, dodici puntate. Poi, su Raidue, ho presentato il Circo di Parigi, tre o quattro puntate».

In Argentina, invece, come ha cominciato?
«Ho fatto il liceo artistico, poi all’università Scienza della comunicazione, un anno soltanto. Subito dopo ho iniziato a viaggiare, prima in Messico, quindi a Miami. Quando si è trattato di scegliere tra New York e l’Italia ho scelto l’Italia».

Senza esserci mai stata?
«Sì, ma a New York c’era troppa concorrenza. Per arrivare in alto, avrei dovuto lasciarci l’anima. Per non dire qualcos’altro. E poi sentivo l’Italia più familiare, quasi una seconda Argentina. E avevo ragione».

Come mai l’hanno chiamata all’Isola dei famosi?
«Non lo so».

Forse si può intuire...
«Certo, bellezza e simpatia mi hanno aiutato. Però se una è bona, ma scema, dopo cinque minuti cambi canale. Così faccio io con gli uomini, quelli scemi li mollo subito».

Proprio un bel tipetto... Senta chi conosce degli altri concorrenti?
«Nessuno. Li ho visti solo per le foto di gruppo».

È già pronta a litigare?
«Ma no. Sono sicura che sarà un reality diverso dagli altri, in tutto relax. Solo in un caso prevedo scintille, ma qui non lo dico, lo scoprirete in tv».

Ha visto qualche altra edizione?
«I reality non li guardo mai, almeno all’inizio. Però mi appassiono verso la fine».

Per il titolo ideale di Miss Isola è una gara a tre con Veridiana di Striscia e Flavia Vento...
«Boh. Veridiana ha una bellezza diversa dalla mia, mi sembra anche intelligente».

Qual è il suo lato migliore, A o B?
«Lo lascio giudicare agli altri. Io scelgo il mio lato interno».

Pregi e difetti?
«Partiamo dai difetti: sono molto permalosa, ma solo per le cazzatine. Poi non sopporto le persone invadenti, gli dai la mano e si prendono il gomito. I pregi? Non mi arrendo davanti a un obbiettivo e sono molto disponibile».

Cosa le mancherà di più sull’Isola: cibo, fidanzato o telefonino?
«Primo il fidanzato, secondo il telefonino, terzo il cibo. Sono tre esigenze molto diverse: l’amore, le relazioni col mondo e lo stomaco».

Siamo in clima olimpico, basta partecipare o è meglio vincere?
«A tutti piace vincere, ma io non ci penso. Spero di rimanere in Honduras almeno due settimane».

I suoi favoriti?
«Luxuria e Ciavarro. Mi sembrano personaggi vincenti».

Anche lei sta con un calciatore. Che barba...
«Per forza, frequentiamo gli stessi posti. Io sono stata molto fortunata, ho trovato il più figo di tutti. Poi Marco, da quattro anni mi fa ridere dalla mattina alla sera. L’umorismo risolve qualsiasi serata».

Sarà, anche se non è la prima cosa che viene in mente. Dove ha conosciuto Borriello?
«In Sardegna».

Avrà sofferto agli Europei, vedendolo sempre in panchina...
«Ovvio, mi sarebbe piaciuto vederlo in campo. Ma c’erano delle gerarchie. E lui l’ha capito».

Ancora di più hanno sofferto i tifosi maschi. È vero che lei aveva promesso uno strip se Marco avesse giocato e segnato contro la Spagna?
«Ma no, è un’invenzione dei giornalisti. Io avevo detto che mi sarei spogliata solo se avesse vinto l’Argentina».

Un po’ improbabile agli Europei, speriamo ai prossimi Mondiali... Ce l’ha con Donadoni che non ha mai fatto giocare il suo Marco?
«No, rispetto le sue scelte».

Andrà meglio con Lippi?
«Forse ha più esperienza...».

Restando agli Europei, lei è stata eletta da Cassano la compagna più bella dei calciatori italiani, battendo perfino la Seredova...
«Scherzi da spogliatoio. La Seredova oltre che f(censura) è intelligentissima».

Il colmo della sfortuna, adesso che Marco è infortunato, a lei tocca partire...
«Sì, ma sono contenta che lui già cammini, sta riprendendosi bene».

Sa i maligni cosa dicono? Che Borriello, quando è stato brevemente squalificato per doping, aveva preso troppo Viagra...
«Questa non l’avevo mai sentita. Ma non mi pare che ne abbia bisogno».

È vero che Marco è il calciatore più bello del nostro campionato?
«Di tutto l’Europeo».

Lei quanti calendari ha fatto finora?
«Nemmeno uno, anche se me l’hanno proposto. Su Internet gira un servizio fotografico sexy, ma senza nudi».

Aspettiamo fiduciosi...
«Io dico che la donna è più sensuale coperta che nuda».

Marco non è geloso dei machi, come Tumiotto e Lago, che lei incontrerà sull’Isola?
«No. Marco non ha assolutamente niente da invidiare agli altri».

Meglio Borriello o Messi?
«Oddio. Lionel è il campionissimo dell’Argentina, a ventun anni ha già ha raggiunto i suoi obbiettivi. Ma anche Marco è molto forte».

E fisicamente...
«Non c’è gara. Messi però ha avuto problemi di crescita».