FOTO AI VIP Corona: «In Italia cupola del ricatto» Un suo fan condannato a 3 anni per scatti «rubati»

In Italia esiste una «cupola del ricatto». Lo sostiene Fabrizio Corona, sentito ieri dai magistrati a Roma sulla vicenda Marrazzo. Corona ha detto che le sue vicende «sono caramelle» paragonate al caso dell’ex governatore del Lazio, dimessosi dopo lo scandalo scoppiato con l’arresto di quattro carabinieri accusati di ricattarlo con un video perché frequentava trans. Corona ha poi aggiunto di non lavorare più come fotografo, e di limitarsi a fare il «fidanzato di Belen (Rodriguez, star della tv, ndr)». E mentre il Corona «originale» si dichiara innocente a Roma, c’è chi vuole emularlo: ieri a Milano un diciottenne che ha detto di essere un suo fan, è stato condannato a 3 anni per aver chiesto, insieme ad altre 5 persone, 40mila euro al calciatore del Milan Massimo Oddo per alcuni scatti che lo ritraevano in un residence dove l’aveva immortalato in compagnia di una ragazza.