Ma la foto di copertina è la stessa del cd di Deupree

«La foto di copertina del nuovo album degli U2 - afferma il musicista americano di nicchia Taylor Deupree - è la copia quasi esatta di quella del mio album con Richard Chartier, uscito due anni fa». Questa dichiarazione, pubblicata sul blog della sua etichetta discografica, ha scatenato il putiferio tra i fan del gruppo rock più popolare della terra. La foto, che appare sulla copertina di entrambi gli album, è stata scattata dall'artista giapponese Hiroshi Sugimoto (gli U2 hanno aggiunto due linee bianche adesive «identiche a quelle sulla copertina dell’album dei Brothomstates» come osserva un bloggista nella furia della polemica). «Avevo scelto quella foto - afferma Dupree - poiché il nostro disco era creato in congiunzione con la retrospettiva di Sugimoto». Poi sbeffeggia la band di Bono: «Quando sentite qualcuno esaltarsi per la “fantastica” copertina del nuovo degli U2, mostrategli prima la nostra». Le numerose risposte in difesa della band irlandese hanno poi fatto fare un passo indietro a Deupree, che è anche un graphic designer. «Ho sbagliato ad utilizzare il termine “copiata” - ammette e poi continua -, forse gli U2 non hanno mai visto il nostro album». Taylor Deupree ha deciso di non procedere per vie legali dichiarando che la questione è stata gonfiata a dismisura e che comunque non potrebbe mai vincere contro la «mastodontica macchina della cultura pop».