Un fotografo sul viale delle memorie

Seguendo un sogno regale, i grandi giardinisti, da André Le Notre a John «Capability» Brown, impressero al mondo arboreo regole e leggi e crearono i grandi giardini, il cui ordinato splendore risaltava nel contrasto con la campagna. Racconta superstiti giardini storici il bellissimo volume Giardini in Toscana (Pagliai Polistampa, pagg. 264, euro 48), ristampato dopo due anni, che attraverso le immagini di un grande fotografo, Massimo Listri, documenta la «natura costruita» di 42 celebri giardini toscani. Un altro grande patrimonio sono gli alberi da frutto che nei millenni hanno assunto significati simbolici e sapienziali, entrando nelle religioni e nelle arti. Ora che pochi ormai sanno riconoscere le speci, Giuseppe Barbera, docente di culture arboree all’Università di Palermo, ce ne racconta la storia (Tuttifrutti, Oscar Saggi Mondadori, pagg. 201, euro 9.40).