Frana blocca l’Aurelia tra Celle e Albisola

Maltempo protagonista ieri anche sulle strade della Liguria. Il primo problema si è presentato in mattinata, verso le 10, quando al casello di Spotorno della A10 Ventimiglia-Genova un Tir in transito ha perso una parte del carico di mattonelle di legno che ha colpito cinque auto che lo seguivano. Otto persone sono rimaste ferite: quattro sono state trasportate all’ospedale San Paolo di Savona e le altre quattro al Santa Corona di Pietra Ligure. A quanto pare nessuno è rimasto ferito seriamente.
Sul posto sono intervenuti i militi del 118, i vigili del fuoco e gli agenti della polizia stradale di Genova Ovest.
In tarda mattinata, invece, un altro grosso problema si è presentato sull’Aurelia, a Celle Ligure, quando all’altezza di Pecorile una grossa frana improvvisamente si è staccata da una collina precipitando sulla statale Aurelia, tra Celle e Albisola. Terra, massi e detriti hanno anche investito un’auto in transito la cui conducente, per fortuna, è rimasta lievemente ferita soltanto ad una mano. Per cui una grande paura, ma nessuna grave conseguenza.
Altro incidente, ma di diversa natura, sulla riviera di levante, alla Spezia. Già nella notte si era verificato il naufragio della nave cargo russa «Margaret» sbattuta dai marosi contro gli scogli della diga foranea; al mattino, invece, una tromba d’aria di fortissima intensità ha colpito la zona tra viale Fieschi e via dei Pioppi, dove è stato divelto parte del manto di copertura della tribuna principale dello stadio «Picco» di circa 140 metri quadrati. È stata anche abbattuta una pianta in via dei Pioppi che, cadendo sulla linea elettrica della pubblica illuminazione, ne ha provocato la disattivazione. È stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco che, dopo aver eliminato le situazioni di pericolo, hanno rimosso dallo stadio le lamiere divelte.
In tutto, comunque, dall’altra sera sono stati circa 300 gli interventi dei vigili del fuoco tra la Liguria e il Piemonte, anche se nelle ultime ore la situazione del tempo è andata lentamente migliorando.
Complessivamente le squadre sono intervenute nelle province di Imperia, Savona e La Spezia per la Liguria, a Cuneo e Alessandria per il Piemonte. Gli interventi sono stati rischiesti per allagamenti, smottamenti, cadute di alberi e cornicioni e soccorrere gli automobilisti bloccati su strade e autostrade.
La neve e il gelo hanno arrecato ingenti danni all’agricoltura visto che la Coldiretti ha richiesto lo stato di calamità naturale. In Liguria il maltempo ha inciso soprattutto per lo straripamento di corsi d’acqua. Aspettiamoci quindi un prossimo rincaro degli ortaggi.