Franceschini ci risponde ma non dice nulla

Il segretario dei democratici nega di voler speculare sulle vicende
private del presidente del Consiglio. Però lo fa: insinua che ci sia del
losco senza neppure avere il coraggio di affermarlo chiaramente. <a href="/a.pic1?ID=354119" target="_blank"><strong>La lettera</strong></a><strong> </strong>di Franceschini. <a href="/a.pic1?ID=354120" target="_blank"><strong>La risposta</strong></a> del <em>Giornale</em>. <a href="/a.pic1?ID=354131" target="_blank"><strong>Le domande
</strong></a>

Milano - Una vicenda privata o un affaire politico? Un episodio buono solo per gli appassionati di gossip o un’occasione per attaccare indirettamente il capo del governo? Il caso Noemi è entrambe le cose ma per la sinistra e i giornali che la sostengono è stato, sin dal primo giorno, qualcosa di più: l’ultimo salvagente al quale aggrapparsi mentre le elezioni, europee e amministrative, si avvicinano e la barca va sempre più alla deriva. Nella speranza che non tutti, nel Pd, seguissero l’onda diffamatrice, "il Giornale" ha chiesto l’altroieri al leader Pd Dario Franceschini di chiarire la sua posizione ponendogli 10 domande. Ecco le sue risposte.

- La lettera di Franceschini

- Ecco cosa gli ha chiesto "il Giornale"

- La risposta de "il Giornale"