Franceschini e la sinistra snob

Verrebbe da chiedersi se non era il salotto snob che la sinistra attaccava con facilità. Eh sì, perché Chi, il settimanale Mondadori diretto da Alfonso Signorini, era visto un po’ così dalla gauche che conta e guardava con un certo distaccato imbarazzo quelle pagine dove si affollava il belmondo vip. Lo stupore nasce in questi giorni di campagna elettorale dove il supercapo Pd, il superdemocratico Dario Franceschini, campeggia col suo faccione sorridente ammiccando alle donne italiane che «hanno faticato tanto nella vita. Lavorando in casa e fuori, occupandosi della famiglia, colmando le assenze di noi uomini. Il nostro impegno è ricompensare almeno in parte questa fatica». E in un’inserzione elettorale chiede un voto per l’euroappuntamento del 6-7 giugno. Insomma sarà snob, ma anche Chi può servire al Pd...