Il francese fa mea culpa: «Ho sbagliato io e basta»

Recita il mea culpa e si cosparge il capo di cenere Patrick Vieira. «L’espulsione è giusta e meritata», afferma il francese. «Ho mandato l’arbitro a quel paese e non dovevo assolutamente farlo. La mia colpa è ancora maggiore perché ho lasciato la squadra in dieci e ho costretto i miei compagni a soffrire. Capisco anche gli arbitri, sono sotto pressione, qualche volta sbagliano ma da parte nostra dovrebbero essere aiutati. Però, almeno in questa occasione, non voglio che si dica che a sbagliare è stato l’arbitro, perché l’unico a commettere errori sono stato io e me ne assumo tutte le responsabilità, scusandomi con i compagni e la società».