Francia, 132 pedofili finiscono nella rete

La maxi operazione anti pedofilia su Internet è partita dalle denunce di Telefono Arcobaleno, l'associazione italiana a tutela dell'infanzia. La gendarmeria francese ha sequestrato un milione e 400mila foto e 27mila video

Parigi - Sono 132 le persone finite in prigione per possesso di foto e video pedofili diffusi via internet. Sequestrate oltre un milione e 400mila fotografie e 27mila video. E' questo il risultato dell'operazione "Arcobaleno" messa in atto dalla polizia francese e che ha portato all'emissione degli oltre cento fermi in 78 dipartimenti di Francia. A dare avvio all'operazione sono state le denunce fatte a gennaio dall'associazione italiana a tutela dell'infanzia, Telefono Arcobaleno (da qui il nome). 

330 gendarmi impegnati L’operazione della gendarmeria francese - scrive Le Figaro - ha mobilitato 330 gendarmi e poliziotti e ha permesso di identificare 310 persone che hanno presumibilmente scambiato sulla rete fotografie e video di bambini in età preadolescenziale. Centotrentadue persone hanno riconosciuto di possedere immagini pedopornografiche, mentre 24 sono state già scagionate. Altre 154 persone sono sotto interrogatorio.