Francia, c'è il "sì" del tribunale: ora le lesbiche possono adottare

Per la prima volta in un tribunale francese ha autorizzato una adozione da parte di una coppia omosessuale. Lo scorso gennaio il caso era finito alla Corte Ue che aveva dichiarato la Francia colpevole di discriminazione

Parigi - Autorizzata per la prima volta in Francia una adozione da parte di una coppia gay. Il tribunale civile di Besancon ha dato il via libera a Emanuelle B. insegnante di 48 anni, e alla sua compagnia, per l’avvio delle pratiche per l’adozione, annullando due precedenti decisioni negative delle autorità regionali e dando esito positivo a una battaglia durata undici anni. Lo scorso gennaio il caso era finito alla Corte europea per i diritti umani che aveva dichiarato la Francia colpevole di discriminazione, in violazione alla Convenzione dei diritti umani, in quanto l’omosessualità della richiedente era stata considerata «se non esplicitamente, quantomeno implicitamente» come causa del rifiuto.