Francia, italiano morto in cella: autopsia rinviata

Rinviata a domani l’autopsia sul corpo
di Daniele, il carpentiere di origine viareggina <strong><a href="/interni/ragazzo_italiano_morto_carcere_francese_in_lettera_madre_qui_mi_maltrattano/30-08-2010/articolo-id=469967-page=0-comments=1">morto
in carcerea Grasse</a></strong>. Dopo cinque mesi
di detenzione in attesa di giudizio per aver usato una carta di
credito falsa al casinò, il ragazzo aveva scritto alla madre: &quot;Mi hanno maltrattato&quot;

Grasse - Rinviata a domani l’autopsia sul corpo di Daniele Franceschi, il carpentiere di origine viareggina morto in carcere in Francia, a Grasse, il 25 agosto, dopo cinque mesi di detenzione in attesa di giudizio per aver usato una carta di credito falsa in un casinò. L’esame autoptico era previsto per oggi e i familiari hanno appreso del rinvio solamente dopo essere arrivati alla camera mortuaria.

La morte del ragazzo Il decesso per infarto era stato registrato alle 19.15 del 25 agosto nella cella della prigione di Grasse. Le autorità consolari italiane sono state avvertite la mattina del 26 alle ore 11, e un fax è stato inviato alle 12.50 ai carabinieri di Viareggio. I carabinieri hanno allora convocato il fratello della vittima per metterlo al corrente dei fatti.