Francia L’idea di democrazia di Cohn-Bendit: «Rivotate»

Non è solo l’Italia a discutere animatamente del voto svizzero. Mentre i promotori del voto contro le «Torri dell’islam» insistono per il rispetto della volontà popolare, dal parlamento europeo il leader dei Verdi Daniel Cohn-Bendit esprime la propria idea di democrazia lanciando un appello: «Votate di nuovo». C’è tutta la filosofia del leader ex sessantottino in questa presa di posizione: il voto popolare è sacro. Ma solo se l’esito è quello che piace a lui. In caso contrario la ricetta è semplice: «Serve una mobilitazione di qualche mese, una raccolta di firme. Non si può lasciare la Svizzera con questa macchia nera», ha detto Cohn-Bendit alla radio elvetica. «Visto che è una decisione popolare e che agli Svizzeri piace votare allora bisogna ricominciare». La democrazia diretta elvetica ridotta al rango di una specie di capriccio, un simpatico hobby elettorale: «Agli Svizzeri piace votare». «La Svizzera non deve lasciarsi legare le mani da questa decisione fino alla fine dei tempi», ha detto Cohn-Bendit: «Il problema elvetico è questo egoismo dei ricchi, che ritroviamo nell’Italia del Nord». Democrazia è servita.