Francia Leggi più dure contro le bande giovanili

Il governo francese inasprirà la legislazione vigente contro le bande giovanili organizzate che operano nelle banlieue parigine e rafforzerà la sicurezza nelle scuole: lo ha annunciato il presidente Nicolas Sarkozy in un discorso durante una visita a Gagny, teatro la settimana scorsa di violenti scontri in un liceo che hanno provocato sei feriti. Verrà introdotta una nuova figura di reato, ovvero l’appartenenza «a un gruppo che abbia come obbiettivo commettere attentati volontari contro persone o beni», punibile con una pena di tre anni. Uguale sanzione verrà prevista per chi entra senza autorizzazione in una scuola pubblica; infine, l’aggravante dell’aggressione a pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni verrà estesa anche al personale della Pubblica Istruzione, anche fuori dalle scuole. Intanto Sarkozy si prepara ad affrontare un impegnativo test politico: i sindacati hanno proclamato per oggi un nuovo sciopero generale dopo quello del 29 gennaio scorso.