Francia, Rachida Dati via dal governo: candidata alle europee

Sarkozy prepara l'addio per il contestato ministro della Giustizia <em>(a sinistra nella foto)</em> e il quotidiano <em>Le Figaro</em> rivela: la Guardasigilli avrebbe avuto rassicurazioni sul suo futuro politico a livello nazionale

Parigi - Il ministro della Giustizia Rachida Dati è candidata alle europee di giugno prossimo e lascerà quindi il governo. Si prepara dunque l'addio per il ministro, contestato anche dalla magistratura per una riforma della giustizia osteggiata e non condivisa. «L’ostinazione di Nicolas Sarkozy ha vinto», commenta oggi il quotidiano conservatore Le Figaro, che per primo ha diffuso la notizia. Ancora non è stato deciso il momento in cui Dati lascerà il governo, ma la «Guardasigilli avrebbe ottenuto in contropartita - scrive ancora Le Figaro - rassicurazioni sul suo futuro politico a livello nazionale». Rachida Dati, divenuta madre il 2 gennaio, sarà candidata per l’Ump nell’Ile-de-France in seconda posizione dietro al suo collega all’Agricoltura, Michel Barnier.

La settimana scorsa il ministro aveva smentito le voci su una sua possibile candidatura alle europee, candidatura che avviene dopo il rifiuto di Rama Yade, sottosegretario ai diritti umani, di lanciarsi nella corsa, così come suggerito da Sarkozy. Alla sede dell’Ump, dove i nomi di Michel Barnier e Rachida Dati circolano da diverse settimane, si ritiene che coloro che saranno chiamati a candidarsi per le europee, lasceranno l’esecutivo poco prima dello scrutinio, nel mese di maggio. La campagna per le europee sarà lanciata ufficialmente domani dal presidente Nicolas Sarkozy.