Francia, sul web parlano pure i morti

<p>
&quot;La vie d'apres&quot; consente di lasciare messaggi, foto, video ai propri cari. E i giovani ideatori pensano pure a una cassaforte digitale per mettersi al riparo da furti di password e profili fantasma
</p>
<p>
 
</p>
<p>
 
</p>

Parigi - Per chi vuol essere sicuro che la sua reputazione rimanga fedele a quella tenuta in vita, per chi vuole semplicemente lasciare un messaggio che riecheggi nell'eternità o desidera confessare un segreto a un proprio caro è pronto un sito che permetterà ai morti di continuare a "vivere". L'idea viene dalla Francia: tre giovani, riflettendo sulle problematiche connesse alla morte, hanno concepito nei loro uffici di Chatou, vicino Parigi, "La vie d'apres", un sito internet che consente di trasmettere, una volta passati a miglior vita, messaggi, foto e video ai propri cari.

Password e social network "Ci sembrava importante poter lasciare altro rispetto ai soli beni materiali, il nostro affetto, la nostra storia, i nostri messaggi d'amore", ha raccontato a Le Parisien uno degli ideatori, Paul, che insieme ai due colleghi, hanno anche pensato di creare una sorta di cassaforte digitale per conservare e proteggere copie di documenti come un testamento, atti di proprietà, polizze assicurative, ma anche le password d'accesso ai social network o alla posta elettronica di chi passa a miglior vita, in modo che non si aggirino dei veri e propri profili fantasma.

I messaggi del caro estinto "Questo concetto permette di costruire l'immagine che vogliamo lasciare di noi stessi e di creare un patrimonio digitale. E' molto più eloquente di una lapide. Gli amici e i familiari hanno la possibilità di rileggere in ogni momento i messaggi lasciati dal caro estinto", ha detto a Le Parisien il giornalista Francois de Closets. Intanto c'è chi, come Claudine, 47 anni, ha già preparato dei messaggi postumi e, non temendo la morte, pensa che il sito abbia il vantaggio di sdrammatizzare molto l'argomento e permetta di lasciare una piccola testimonianza di affetto nei confronti di chi rimarrà in vita.