A Francoforte vola Dyckerhoff

Il calo del greggio ridà forza ai mercati, e anche ieri a New York i principali indici sono ritornati positivi, dopo un avvio debole, per il deludente dato sul Pil Usa. American Power ha guadagnato oltre il 25%, dopo il suo passaggio al gruppo francese Schneider, che a Parigi perde intorno al 7%. In negativo a New York anche Verizon (meno 3,5%) e Wal-Mart (meno 2,9%). Intonazione positiva al Nasdaq per Red Hat (più 6,5%), Level (più 3,8%) e Yahoo! (più 2,9%). Tra le Borse mondiali, da segnalare il calo del 2% circa della piazza di Sanpaolo, dopo l’annuncio della vittoria del presidente Lula da Silva. In direzione opposta il mercato azionario a Bombay, per le buone notizie dell’economia indiana, con l’indice Sensex in rialzo di quasi il 40% da inizio d’anno. In Europa in tensione a Francoforte il titolo Dyckerhoff (più 19,2%), dopo l’annuncio di un’Opa da parte di Buzzi Unicem. A Londra interesse per Standard Life (più 2%) su interesse da parte di Axa.