Fratellini scomparsi, si pensa a una fuga

I due soffrivano per la separazione dei genitori. Ma la zona è considerata pericolosa

da Gravina in Puglia (Bari)

Mancano da casa ormai da due giorni due fratellini, di 13 e di 11 anni, scomparsi l’altro ieri sera a Gravina in Puglia, in provincia di Bari. Il padre ha denunciato la scomparsa soltanto ieri, dopo aver atteso un’intera notte che rincasassero. Secondo quanto è stato accertato, l’altro ieri i due fratellini erano andati regolarmente a scuola ed erano poi tornati a casa. Alla sera sono stati visti a una partita di calcetto, ma poi non sono più tornati. Il padre ha aspettato a sporgere denuncia perché sperava che la scomparsa dei figli fosse un gesto simbolico, per dare un segno del loro disagio per la situazione familiare: i genitori sono infatti separati e i ragazzini sono stati affidati al padre, che vive con la sua nuova compagna. Sembra che i due fratellini fossero abituati a girare da soli e avevano già minacciato in passato di fuggire. La polizia ha ascoltato diverse persone e anche alcuni compagni di scuola e di giochi dei due fratellini, ma finora non sarebbero stati raccolti elementi utili. Intanto le ricerche, coordinate dalla polizia locale, sono estese a tutto il paese: l’area di campagna intorno al paese è infatti famosa per i numerosi burroni e per le zone scoscese e impervie.