Fratello di un boss s’impicca in cella

Si è tolto la vita, impiccandosi nella sua cella del carcere di Opera, Giuseppe Spera, 69 anni, fratello del ben più noto boss mafioso Benedetto Spera, «fedelissimo» di Bernardo Provenzano e arrestato nel gennaio 2001 dopo una lunga latitanza. Giuseppe, allevatore di bestiame, invece era finito in manette nel gennaio 2005 con l’accusa di associazione per delinquere di stampo mafioso. A trovare il suo cadavere, nel primo pomeriggio di ieri, sono stati degli agenti della polizia penitenziaria.