Frattini: carabinieri solo se a Gaza il potere torna all'Anp

Il ministro degli Esteri: "Non possiamo mandare i nostri carabinieri in un’area controllata da Hamas" anche perché nè i palestinesi nè gli egiziani
riconoscono come legittimo governo di Gaza

Roma -  L’Italia non schiererà i carabinieri al confine tra l’Egitto e Gaza, se nella Striscia «il controllo non tornerà alla legittima Autorità palestinese». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Franco Frattini, in un’intervista a Sky Tg24. «Non possiamo mandare i nostri carabinieri in un’area controllata da Hamas» che nè i palestinesi nè gli egiziani riconoscono come legittimo governo di Gaza, ha aggiunto Frattini.

L’Italia ha offerto all’Egitto «apparecchiature tecnologiche basate su sonar, su tecniche satellitari, prodotte da aziende italiane» per individuare i tunnel al confine tra l’Egitto e la Striscia di Gaza attraverso i quali passa il contrabbando di armi destinate ad Hamas, detto anche Frattini di ritorno dalla sua missione in Medio Oriente in un’intervista al telegiornale di Sat2000. «Metteremo a disposizione dell’Egitto» queste apparecchiature «così come ho preannunciato proprio ieri al capo dell’intelligence egiziana Omar Suleiman», ha aggiunto il titolare della Farnesina.