Freeman e il bambino-cane

Maurizio Acerbi

Danny the dog, di Louis Leterrier, con Morgan Freeman, Jet Li e Bob Hoskins, racconta la storia di Bart che ha sottratto Danny dalla strada quando questi aveva quattro anni, trattandolo letteralmente come un cane, al punto da addestrarlo ad attaccare. Così, ai giorni nostri, Danny è diventato la sua arma di difesa per eccellenza, pronto a tutto pur di salvare il suo padrone. Un giorno, Danny incontra Sam, un cieco che si guadagna da vivere accordando pianoforti. Sam e sua nipote Victoria si prenderanno a cuore la situazione di Danny, facendogli conoscere un’umanità sino ad allora sconosciuta. Danny cambia modo di essere ma Bart e la sua banda preferirebbero vederlo morto piuttosto che libero.
Alta tensione ha un titolo che da solo vale un programma, nel senso che fa già capire che di thriller trattasi anche se con gli stereotipi del genere. Come nella migliore tradizione ci ritroviamo con la classica casa isolata dove vive una famiglia unita; naturalmente, per la città si aggira un assassino senza scrupoli che prende di mira l’abitazione. Col buio che incombe, occorre attrezzarsi per non morire.
Being Julia, film coprodotto, racconta la vita amorosa di Julia Lambert, la diva inglese che andò in crisi meditando vendetta quando scoprì, che l’amore della sua vita, ovvero l’americano Tom Fennel, in realtà se la spassava con un’altra donna; interessante il cast che comprende, per le parti principali, Annette Bening e Jeremy Irons.
Commedia tutta italiana è Contronatura, per la regia di Alessandro Tofanelli, con Andrea Di Stefano, Valeria Cavalli, Maya Sansa. È la storia di Giacomo, un uomo senza controllo del quale si innamora Francesca, disposta a tutto pur consapevole dei rischi che corre. Gli ambienti sono estranei ma con un po’ di buona volontà la donna riesce a entrare in contatto con il suo amato; i caratteri, però, sono esattamente all’opposto.
Italiano è anche Mundo Civilizado, la commedia diretta da Luca Guadagnino con Libero De Rienzo, Valentina Cervi, Fabrizia Sacchi, Claudio Gioè. É la storia di Francesca, Morgana, Edo e Antonio, ovvero quattro ragazzi di oggi accomunati dalla voglia di fare quel che gli pare. Per puro caso, il poker si ritrova a condividere una settimana a Catania; e non è un caso visto che il continuo borbottare del suo vulcano sembra riflettere in pieno l’età dell’inquietudine dei quattro.
Visto che giugno è il mese dedicato, nel grande tennis, al torneo di Wimbledon ecco uscire il film omonimo Wimbledon che vede come protagonista (ovviamente) un tennista qui giunto al termine della sua carriera. Ha ancora una carta da giocarsi; il suo ultimo torneo di Wimbledon. Dove non riesce l’allenamento e la tecnica, può sopperire il cuore; così, in maniera del tutto inaspettata, grazie all’amore la sua ultima partita battezzerà l’inizio di una nuova vita. Tra i protagonisti, nomi e volti noti come quello di Kirsten Dunst, affiancata da Paul Bettany e Sam Neill.
Dati in uscita anche The pusher, Per amare Carmen, Il silenzio dell’allodola, Il silenzio tra due pensieri e Sulla mia pelle.