Frenano le banche

Ha chiuso in calo Piazza Affari, relativamente al riparo rispetto alle altre Borse europee dalle vendite per i timori legati alla vicenda dei mutui subprime. Il Mibtel ha ceduto l’1,38% e lo S&P/Mib l’1,45% al termine di una seduta con scambi insolitamente vivaci per il periodo, pari a 8,24 miliardi di euro. Sotto pressione Unicredit e Intesa Sanpaolo, insieme ad Eni e Fiat, mentre si sono salvate Tiscali, Fastweb e Mediaset. Unicredit ha ceduto il 2,16% a 6,26 euro, dopo due sedute brillanti. In calo anche Intesa Sanpaolo (-1,41% a 5,65 euro), positiva per parte della seduta, e Mediobanca (-0,36% a 15,91 euro). Giù Bpm (-2,03% a 10,13 euro) e Banco Popolare (-2,88% a 18,88 euro), su Ubi (+1% a 19,35 euro) e Italease (+0,22% a 15,64 euro). Difficoltà anche per gli assicurativi Generali (-1,21% a 30,17 euro) e Fondiaria Sai (-1,38% a 35,05 euro), insieme a Unipol (-2,14% a 2,41 euro).