Frescobaldi mette due alleanze in bottiglia

Entrano un partner russo e uno californiano. Il presidente Vittorio: «La gestione resta a noi»

Paolo Giovanelli

da Milano

«No, le tenute storiche della famiglia non le abbiamo cedute, restano al cento per cento nostre. Ma c’erano queste tre, l’Ornellaia, Castel Giocondo e Luce della vite che erano già affermate, per le quali cercavamo dei finanziatori che fossero interessati a un investimento a lungo termine»: Vittorio Frescobaldi, presidente della Marchesi Frescobaldi, è chiaramente soddisfatto dell’ingresso nel capitale di due nuovi importanti soci, i russi della Spi e la californiana Mip di Michael Mondavi. Ma preferisce giocare la partita sull’understatement: «È un’aggregazione solamente finanziaria - afferma - abbiamo pensato che sarebbe stato positivo avere partner di minoranza. La gestione spetta sempre a noi. Così abbiamo trovato soci finanziari interessati: Mondavi è nostro amico, abbiamo lavorato insieme per dodici anni».
Il gruppo Frescobaldi dispone di nove tenute, sei quelle storiche, più le tre che sono state aggregate nella sub-holding Tenute di Toscana, in cui è entrata la Spi, uno dei più importanti produttori mondiali di vodka che dispone di marchi come Stolichnaya e Moskovskaya. L’altro ingresso è quello della Mip, produttore e importatore californiano di vini di qualità che attraverso la Folio Wine Partners commercializza marche di vini provenienti da Austria, Italia, Nuova Zelanda e Spagna, oltre che dalla California. E tra l’altro è distributore esclusivo negli Stati Uniti di tutte le etichette del gruppo toscano. Ai Frescobaldi rimane il 72% del capitale, il 25% fa capo alla Spi e il restante 2% a Mondavi.
«Con la Spi abbiamo portato aria nuova - ha detto Frescobaldi - ci è sembrata un partner a lungo termine, ci fa piacere che sia entrata. Le tre tenute le abbiamo acquistate tra l’89 e il 2005, ora guardavamo a dei finanziatori e li abbiamo trovati. D’altra parte non abbiamo ceduto neppure le start up, tre nuove imprese tra cui Morellino di Scansano e un’altra nel Collio, che devono essere seguite. Le cose si stanno mettendo bene, ma c’è pur sempre un piccolo rischio e ai finanziatori il rischio non piace. Le faremo crescere noi, è il nostro lavoro». La famiglia Frescobaldi, che produce vino fin dal XIV secolo, possiede vigneti in Toscana e Friuli per una superficie di 1.100 ettari: nel 2005 ha fatturato 57,6 milioni di euro. Recentemente aveva acquisito il cento per cento della Tenuta dell’Ornellaia.