Frick mai visto Ambrosini lotta

SIENA
5 MANNINGER. Anche lui ha un difesa colabrodo davanti.
5 BERTOTTO. Nel primo tempo chiede notizie di Ronaldo.
5 GASTALDELLO. Non ferma Ronie né con le buone né con le cattive.
5,5 PORTANOVA. Se la cava di testa, coi piedi è un flop.
5 MOLINARO. Sua la deviazione galeotta del 3 a 4 finale.
6 ANTONINI. Per un’ora regge bene al confronto.
6 CODREA. Bella figura al cospetto di Pirlo. Dal 14 st GALLOPPA 5.
6,5 VERGASSOLA. Il migliore dei suoi per 96 minuti su 97.
5 COZZA. Poco incide, tanto lavora. Dal 35 st LOCATELLI sv
6 CORVIA. Meglio di quel che appare. Dal 14 st FRICK 5. Mai visto.
7 MACCARONE. Il Ronaldo di Siena: due gol da incorniciare.
All. BERETTA 6. Metta una toppa alla difesa.
MILAN
5 STORARI. Neanche una parata vera: 3 tiri nello specchio, 3 gol. Comincia a scoprire il lato debole del Milan.
4,5 CAFU. Sempre in ritardo e quando prova ad affondare il suo contributo è deficitario. Dal 29 st ODDO sv. Chiude la corsia ai rivali.
6,5 BONERA. È l’anello forte della catena: figuratevi gli altri cosa sono e quali sciagure realizzano.
5 KALADZE. Tutte le volte che torna è irriconoscibile.
6,5 JANKULOVSKI. Il più continuo e proficuo sul binario.
6 GATTUSO. Per una volta trova pane durissimo per i suoi denti. Vergassola gli toglie tanti palloni.
5 PIRLO. Deludente su tutti i fronti: nel fare gioco e nel provare lanci. Perciò la sostituzione è anche una stroncatura. Dal 29 st 6 GOURCUFF. Mette cattiveria e forza nella sfida.
6 BROCCHI. Corre e lotta in lungo e in largo: espulso per eccesso di zelo da un arbitro disastro.
6 KAKÀ. Mette la spina a 15 minuti dalla fine. Firma il numero del 3 a 2 che gli vale la sufficienza.
6 OLIVEIRA. Nonostante il gol, bisognerebbe applicargli il daspo per lasciarlo a casa, al pari degli ultrà sgraditi. Dal 34 st AMBROSINI 6. Lottatore vero si fa ammirare sui colpi di testa.
8 RONALDO. Fenomenale e fondamentale. Cercate altro?
All. ANCELOTTI 6. Si dispera a lungo. E a ragione.
Arbitro MESSINA 4. Non ne azzecca una.