In Friuli, Tondo dà l’assalto a Illy Sicilia tra Lombardo e Finocchiaro

Alle urne per eleggere il presidente anche due regioni a statuto speciale, la Sicilia e il Friuli Venezia Giulia. Regioni lontane territorialmente ma accomunate da una peculiarità: in entrambe, infatti, l’Udc appoggia il candidato del Pdl.
In Friuli la partita è a due, tra l’uscente Riccardo Illy (sostenuto da Pd, Idv, Sinistra Arcobaleno, Slovenska Skupnost, Cittadini per il presidente) e Renzo Tondo (sostenuto da Pdl, Lega Nord, La Destra, Udc e Partito dei pensionati). Gli elettori friulani avranno un’unica scheda di colore azzurro per votare sia il presidente (barrando il nome del candidato prescelto o il partito che lo sostiene) sia un consigliere regionale. Ricordiamo che è possibile il voto disgiunto (voto per un consigliere appartenente ad una coalizione diversa rispetto a quella del candidato presidente).
In Sicilia la corsa è a cinque, anche se di fatto i candidati principali sono due: Raffaele Lombardo (Pdl, Democratici autonomisti, Mpa, Sicilia Forte e Libera) e Anna Finocchiaro (Pd, Lista Anna Finocchiaro presidente per la Sicilia, Sinistra Arcobaleno e Idv). Gli altri candidati sono Sonia Alfano (Amici di Beppe Grillo), Giuseppe Bonanno Conti (Forza Nuova) e Ruggero Razza (La Destra). Anche per gli elettori siciliani una sola scheda, azzurra, e la possibilità di ricorrere al voto disgiunto.