Al fronte crescono i divorzi E gli Usa inviano in Iraq consulenti matrimoniali

L’esercito Usa combatte una nuova battaglia contro un nemico non convenzionale: il devastante aumento dei divorzi. Per arginare le separazioni tra i soldati, impiegati all’estero fra i 12 ed i 15 mesi, il Pentagono ha messo in piedi una clinica vicino all’aeroporto di Bagdad: ben 45 consulenti matrimoniali pronti a intervenire. A bordo di fuoristrada raggiungono le unità più sperdute per mettere una buon parola fra marito soldato e moglie a casa. Il pezzo forte è un manuale dal titolo inequivocabile: «I sette principi per far funzionare un matrimonio». Internet consente ai soldati frequenti contatti con le famiglie. Ora però i conflitti familiari rimbalzano in zona di guerra. «Spesso dobbiamo mediare tra ragazzi che non hanno avuto il tempo di sviluppare il rapporto», spiega uno psicologo militare. Oppure con soldati che cercano, a migliaia di chilometri di imporre alla moglie come lavare la macchina.