Il Frosinone batte 4: Grosseto travolto

Salvatore Bocchetti, Lodi, Evacuo e Dedic gli autori dei gol di un match senza storia

da Frosinone

Il Frosinone ritrova la vittoria al termine di una prestazione convincente, tre punti d’oro che mantengono i ciociari agganciati alla classifica che conta.
Si gioca sotto il diluvio e in un clima spettrale anche sugli spalti. Niente striscioni o cori dalle curve, ma un episodio iniziale che riconcilia con il calcio: i tifosi del Grosseto, arrivati numerosi in Ciociaria, consegnano agli ultrà canarini il ricavato di una colletta a favore di una bambina di 7 anni di Frosinone che dovrà essere operata in Germania per una grave patologia.
Il Frosinone comincia di gran carriera e già dopo 100 secondi va in gol, con Salvatore Bocchetti di testa, ma l’arbitro Pantana di Macerata annulla per fuorigioco. Al 6’ ancora lo scatenato Salvatore Bocchetti, servito dal cugino Antonio, di testa prende la traversa. Il Frosinone macina gioco con Amerini, Pecchia e Cariello a dettare i tempi alla squadra e un Lodi molto ispirato per le due punte Martini ed Evacuo. E al 36’ raccoglie i frutti: angolo di Lodi, velo di Martini e Salvatore Bocchetti, ancora lui, infila di sinistro al volo il portiere ospite Bressan e festeggia la recente convocazione nella nazionale Under 21 di Casiraghi,
Il secondo tempo si apre con il pareggio un po’ a sorpresa dei toscani: il nuovo entrato Zecchin fa tutto bene, serve Moro e questi dalla destra fa partire un traversone preciso per la testa di Paulinho che, sotto misura, trafigge Sicignano. Ma il Frosinone non si scompone e nel giro di dieci minuti Bressan è costretto agli straordinari con due parate capolavoro su altrettante punizioni di Ciccio Lodi. Al 20’ il Grosseto potrebbe addirittura passare in vantaggio, ma Carparelli, tutto solo davanti a Sicignano, spara fuori. La legge del calcio non perdona e sul rovesciamento di fronte il Frosinone torna in vantaggio: Evacuo serve Lodi sulla sinistra e il gioiellino gialloblu controlla da par suo e infila Bressan. Il Grosseto prova a rialzare la testa, ma al 36’ il Frosinone colpisce ancora, con un contropiede orchestrato da Lodi e Cariello e concluso da Evacuo, che dopo il gol mostra la t-shirt sotto la maglia, con una grande foto di Gabriele Sandri, di cui era amico, e il testo dell’sms che il ragazzo mandò al giocatore laziale De Silvestri prima di morire. E al 46’ il quarto gol canarino: fa tutto Dedic in contropiede da metà campo, senza che nessun difensore riesca a fermarlo. Dedic conferma così la sua propensione al gol (è il quinto della stagione) una volta entrato in campo dalla panchina. Sabato prossimo il Frosinone sarà impegnato a Mantova.