Frosinone Bimbo marocchino muore sulla panchina per asma non curato

Un bimbo di tre anni e mezzo è morto ieri su una panchina in braccio alla madre a causa di una crisi respiratoria a Sgurgola, un piccolo centro della provincia di Frosinone. Il piccolo, di origine marocchina, soffriva di asma e per questa malattia veniva seguito e curato da una pediatra. Sabato scorso aveva avuto una crisi e la dottoressa gli aveva prescritto dei farmaci (antistaminici e cortisone). Forse la mamma ha un po’ sottovalutato l’urgenza di somministrare le medicine al figlioletto, ma questo sarà eventualmente accertato dall’inchiesta della magistratura. Fatto sta che il bambino ha avuto una crisi anche ieri mattina e un’altra nel pomeriggio: la mamma lo ha portato all’aperto forse per farlo respirare meglio. E invece, magari, i pollini sospesi nell’aria in questo periodo hanno peggiorato la situazione. La donna ha chiamato il 118 ma quando gli operatori sono giunti sul posto, il bimbo già non dava più segni di vita. Inutili il massaggio cardiaco, i tentativi di rianimazione e la corsa all’ospedale di Anagni.