Frosinone-Empoli 0-1 Una papera di Sicignano regala i tre punti ai toscani

una «papera» del portiere canarino Sicignano, sull’unico tiro in porta del grande ex Ciccio Lodi, regala tre punti insperati a un Empoli che fino a quel momento, e correva oramai il minuto 77, non aveva fatto vedere praticamente nulla. Il Frosinone può anche recriminare per un palo colpito da Eder e per un calcio di rigore per fallo su Dedic, non concesso dall’incerto Dondarini. L’unica consolazione per i canarini, gli applausi convinti di tutto lo stadio al termine, a incorniciare una prestazione comunque positiva. Deludono i toscani, che mantengono però il primo posto in classifica e colgono la quinta vittoria esterna.
Con il solito tridente offensivo e con Coppola e D’Antoni al posto degli squalificati Biso e Ascoli, il Frosinone si riversa subito in attacco e al 7’ Eder fa partire una punizione che il portiere toscano neanche vede, ma il pallone si stampa sul palo. Il Frosinone continua a premere e a schiacciare la squadra di Silvio Baldini nella sua metà campo, anche se Dedic e soprattutto Santoruvo fanno fatica a vedere la porta. Al 22’ Tosto, migliore dell’Empoli, è costretto a lasciare il campo per infortunio e al suo posto entra un impalpabile Vargas, ex reggina. In occasione dell’infortunio, bel gesto del frusinate Antonazzo che si ferma e butta il pallone fuori, anche se tra lui e la porta era rimasto proprio il solo Tosto, ormai claudicante. Alla mezz’ora il Frosinoine reclama un rigore per Dedic cinturato in area, ma l’arbitro sorvola. Al 44’ i ciociari vanno ancora vicini al gol: Dedic anticipa tutti di testa su angolo battuto da Bocchetti, ma Bassi è superlativo e devia in angolo. Sul corner successivo stavolta il portiere esce male, Nocentini tira a botta sicura ma Buscè salva sulla linea.
Il Frosinone torna in campo con lo stesso piglio giusto e al 4’ Eder e Dedic seminano il panico, costringendo i difensori empolesi a chiudere in angolo con affanno. Al 16’ Bocchetti si incunea in area da sinistra ma, anziché tirare, preferisce mettere al centro e dà modo ai difensori toscani di liberare. I canarini continuano a spingere, sospinti dal pubblico, e l’Empoli non riesce neppure a mettere il naso fuori dalla metà campo, anzi arretrando pericolosamente il baricentro. Ma al 77’ arriva la frittata di Sicignano, che su un tiro non certo irresistibile dai 25 metri di Lodi si lascia scavalcare dal pallone, tuffandosi in netto ritardo. Ciccio Lodi, acclamato a gran voce dai suoi ex tifosi prima e dopo la partita, in segno di rispetto neppure esulta. A poco serve l’assalto finale con l’innesto degli altri attaccanti Martini e Tavares.
Sabato prossimo per il Frosinone c'è l’obbligo di riprendere subito a far punti, sul campo del pericolante Modena.