Il Frosinone frenato dall’ex Cariello

Oggi a Messina riparte la rincorsa all’Inter capolista. L’allenatore: «Non possiamo più sbagliare» Non c’è Tavano, Wilhelmsson sì

da Frosinone

Il Frosinone riparte con un pareggio contro il Crotone dopo la lunga pausa natalizia. Un pareggio che comunque muove ancora la classifica e che ha lasciato soddisfatti gli 8mila spettatori presenti al Comunale. La partita inizia sotto i migliori auspici: dopo appena sette minuti un lancio dalla sinistra di D’Antoni pesca Galasso in area calabrese, il centrocampista di proprietà della Roma è bravo a stoppare per l’accorrente Margiotta che mette imparabilmente alle spalle di Soviero. È l’1-0, il settimo gol in campionato per l’attaccante italovenezuelano. Il Crotone sbanda ma il Frosinone non ne approfitta: Margiotta è troppo solo in avanti, scarsamente supportato da Lodi, mentre Galasso e Fialdini si danno molto da fare, senza però riuscire a finalizzare. Il primo rischio i ciociari lo corrono a un minuto dal termine del primo tempo, quando il «vecchietto» Giampaolo, sicuramente il migliore dei calabresi, serve un pallone delizioso a Cariello, che tocca di esterno sinistro per il pareggio. Cariello, ex del Frosinone, non esulta.
Il secondo tempo inizia invece sotto il segno del Crotone e dopo 3 minuti lo slavo Sedivec colpisce l’incrocio dei pali da fuori area. Nei successivi 20 minuti i calabresi prendono in mano il pallino del gioco ed è strepitoso il portiere frusinate Zappino in quattro occasioni, su Sedivec e sullo scatenato Giampaolo. Entrambe le squadre vogliono vincere, il Crotone toglie un difensore per il «colored Aliou», mentre nel Frosinone uno stanco Lodi (visibilmente contrariato) lascia il posto a Di Venanzio. A 20 minuti dal termine esordio in maglia gialloblù per Stefano Argilli, centrocampista appena prelevato dal Livorno, oltre duecento partite tra serie A e B. E proprio una inzuccata perentoria di Argilli consente a Fialdini di liberarsi al limite, prima di essere fermato fallosamente. Sulla successiva punizione Margiotta scarica un missile, miracolosamente deviato da Soviero in angolo. Nel quarto d’ora finale il Frosinone va in forcing, grazie anche all’ingresso della seconda punta Castillo. Ma è Fialdini a divorarsi un gol praticamente già fatto su azione susseguente a calcio d’angolo.
Finisce in parità, un risultato tutto sommato giusto, che consente ai ciociari di rimanere saldamente a centroclassifica. E sabato prossimo, a Bergamo, sfida tra le matricole terribili: l’Albinoleffe di Mondonico da una parte e il Frosinone dall’altra.