Il Frosinone soffre ma batte il Bari L’eroe è Zappino, che para un rigore

Igor Traboni

Terza vittoria consecutiva in casa per il Frosinone che liquida il Bari per 1-0, al termine di una partita epica, giocata per oltre un’ora in inferiorità numerica e con un calcio di rigore parato dal portiere canarino in pieno recupero. Ma procediamo con ordine. Il Bari scende in campo baldanzoso, ma al primo affondo il Frosinone fa centro. Perra si invola sulla destra, mette al centro, Margiotta fa velo e dalle retrovie sbuca Di Venanzio che batte il belga Gillet. Ti aspetti la reazione dei pugliesi, arrivati in Ciociaria con quasi mille tifosi al seguito, ma gli attacchi sono sterili e il solo Ganci in avanti, scarsamente supportato da uno spento Carrus, non punge. Neppure dopo l’espulsione del frusinate Anaclerio il Bari riesce ad alzare la testa. È anzi il Frosinone a sfiorare il raddoppio con Lodi.
Nella ripresa il Bari prova a riprendere il bandolo della matassa, ma è il Frosinone a irretire la manovra degli ospiti, con la coppia centrale D’Antoni-Fialdini a sbarrare qualsiasi via d’ingresso e con la difesa orchestrata a meraviglia da capitan Pagani. Neanche i cambi, con gli innesti di La Vista, Di Vicino e il croato Rajcic, riescono a dare ai pugliesi la trazione anteriore sperata. È ancora il Frosinone che potrebbe chiudere la partita, ancora con Francesco Lodi, il gioiellino di casa apparso però stanco dopo la partita di martedì scorso con l’under 21, giocata proprio a Frosinone. È stato Margiotta a servire la palla a Lodi, che però ha calciato di poco alto. Gli ultimi venti minuti si sono trasformati in un assalto da parte del Bari. Nel primo dei sei minuti di recupero, il calcio di rigore a favore del Bari. Di Vicino entra in area di rigore sulla destra e Lacrimini lo falcia da dietro. Sul pallone va Ganci. Il tiro è forte e angolato ma Zappino, il portiere italo-brasiliano del Frosinone idolo della curva di casa, si distende e respinge alla grande il rigore. Finisce in una bolgia entusiasta e con il Frosinone che sale a quota 17, agganciando lo stesso Bari, in una tranquilla posizione di classifica. E la settimana prossima c’è la possibilità di allungare: a Frosinone, nel posticipo del lunedì, arriva il Mantova.