Frutta e verdura di stagione con chilometro zero: ecco il primo ospedale ecologico

Si tratta del Policlinico di San Donato. Il progetto è realizzato dalla Coldiretti Lombardia, in collaborazione con la cooperativa Agricolturamica

Arance d'inverno, fragole in primavera e pesche d'estate. Se possibile, tutto deve essere coltivato in Lombardia. Nasce il primo ospedale italiano naturale e a chilometro zero: è il Policlinico di San Donato, in provincia di Milano. Il progetto è realizzato dalla Coldiretti Lombardia, in collaborazione con la cooperativa Agricolturamica. Il sistema è in avviamento e si prevede un approvvigionamento di circa 60 tonnellate all'anno di frutta e verdura.
I prodotti sono rigorosamente di stagione e, quando possibile, sono raccolti nelle aziende della zona. «Abbiamo cercato il meglio dai territori italiani» dice Nino Andena, presidente della Coldiretti Lombardia «impegnandoci con l'ospedale di San Donato in una grande operazione di educazione alimentare, che non riguarda solo i pazienti, ma anche le loro famiglie e l'interà società».
Il progetto coniuga le cure mediche all'utilizzo del cibo come prima medicina, riscoperto da molti scienziati e alimentaristi negli ultimi anni. «Il lavoro con il Policlinico di San Donato - spiega Carlo Franciosi, presidente della Coldiretti di Milano e Lodi - è importante perché rappresenta un'esperienza pioneristica in Italia e può essere d'esempio per altri ospedali, scuole e mense».