«Fu un errore affidargli quel posto»

«Il Vaticano commise a suo tempo un errore, quello di affidare a monsignor Marcinkus un’organizzazione bancaria. Non aveva alcuna preparazione in merito». Questo il commento all’agenzia «ApCom» dell’ex presidente del Consiglio, Giulio Andreotti sulla morte dell'arcivescovo Paul Marcinkus, il cui nome è legato allo scandalo del crac della Banca Ambrosiana. «Non aveva alcuna preparazione in tema bancario - ha aggiunto Andreotti - affidargli la presidenza della Ior fu un grave errore. Tuttavia - ha proseguito - quando decise di fare il viceparroco in America, svolse il suo compito in modo molto umile. Credo che Marcinkus non lasci una lira, non si è arricchito - ha concluso Andreotti - e merita tutto il rispetto».