Fu trovato morto dopo fermo di polizia quattro indagati

«Era proprio ora. Speriamo che finalmente si faccia luce sull'intera vicenda». È il commento di Patrizia, la mamma di Federico Aldrovandi, il ragazzo 18enne morto, in circostanze ancora da chiarire, a Ferrara dopo essere stato fermato dalla polizia la notte del 25 settembre 2005. La donna è stata sentita dal quotidiano online «Affaritaliani»: la madre intravede la possibilità di arrivare alla verità, soprattutto perché «si incomincia a tenere conto delle testimonianze che combaciano con la versione sostenuta dalla nostra difesa», secondo cui il ragazzo sarebbe morto dopo una violenta colluttazione coi poliziotti a cui sarebbe seguita l'immobilizzazione forzata a terra protrattasi per alcuni minuti. «Ci sono nuove testimonianze importanti che non sono state ancora girate dalla Procura ai miei avvocati». La stessa procura ha definito «una decisione tecnica» l’iscrizione degli agenti nel registro degli indagati.