Fuga in città con un uomo sul cofano

L’incredibile corsa tra gli sbalorditi passanti del centro della città è stata bloccata dalla polizia che ha arrestato i due immigrati. Tutto è nato da un litigio tra i due proprio a causa della compravendita dell'auto. Il nigeriano, Valentine Muduka, di 34 anni, si è reimpossessato del mezzo venduto all'altro poichè il liberiano, Mohamed Camara, di 36, clandestino in Italia, aveva collezionato una serie di multe e di pedaggi autostradali non pagati.
In via san Giovanni d'Acri, a Cornigliano, il nigeriano si è messo alla guida dell'auto ed è partito, incurante delle proteste dell'altro, che si è avvinghiato sul cofano sperando che il rivale si fermasse. Ma così non è avvenuto e testardamente i due hanno proseguito la corsa sulle arterie che collegano ponente a levante lungo il porto genovese. Un primo gruppo di agenti hanno tentato di fermare l'auto in via Gramsci, ma l' Opel Astra, con un paio di dribbling, è sfrecciata via.
Fallito un altro tentativo circa un chilometro dopo, in via Quadrio, l'auto con l'africano sempre incollato al cofano si è fermata infine in via Corsica, dopo circa sette chilometri, per un ingorgo insuperabile. Pattuglie di agenti della questura e del commissariato di Prè sono riusciti così a bloccare i due. Il nigeriano è stato fermato e indagato per tentativo di omicidio, l'altro è stato arrestato perchè non ha ottemperato ad un ordine di espulsione del questore.