Fuga dagli ospedali I clandestini affollano gli ambulatori

Il nuovo disegno di legge che elimina il divieto per i camici bianchi di denunciare i pazienti irregolari, svuota le sale d’attesa degli ospedali della città e fa riempire quelle degli ambulatori gestiti dai medici volontari. Nonostante il ddl debba ancora superare l’esame della Camera, la paura di una possibile denuncia si è diffusa in fretta tra gli immigrati clandestini che preferiscono rinunciare a un ricovero ospedaliero, piuttosto che rischiare un rimpatrio non desiderato. Un segnale preoccupante, lo definiscono i direttori sanitari delle strutture ospedaliere milanesi, che mette in pericolo la salute degli immigrati ma anche quella di tutti i cittadini. E all’ambulatorio del San Paolo che ogni venerdì apre le porte ai clandestini, sono già in molti quelli che non hanno trovato il coraggio di presentarsi per una visita.