Fuga dei fedeli dalla Chiesa cattolica: colpa dei preti pedofili

Berlino C’è un piccolo boom di conversioni dal cattolicesimo al protestantesimo in Germania: solo nel 2010 sono state oltre dodicimila, mentre nel 2009 erano state oltre novemila. All’origine del fenomeno sembra esserci la ripulsa per la piaga della pedofilia tra i sacerdoti, che ha spinto il Papa - lui stesso un tedesco - a esplicite iniziative di condanna. Le conversioni in senso contrario dalla Chiesa protestante a quella cattolica, che nel 2009 erano state 4.009, sono invece scese a 3.576 nel 2010.
Ma sono molti di più, e anch’essi in forte crescita, i cattolici che hanno definitivamente voltato le spalle alla Chiesa di Roma, con 181.193 uscite nel 2010 rispetto alle 123.681 del 2009. Consistente, anche se meno massiccio, l’esodo dalla Chiesa evangelica, che nel 2010 ha perduto 145.250 aderenti, rispetto ai 148.450 che erano usciti nel 2009. Questo fenomeno ha un’altra spiegazione principale: in Germania l’affiliazione a una Chiesa implica un dovere fiscale nei suoi confronti. Oggi i cattolici tedeschi sono circa 24 milioni, contro i 23 milioni di protestanti. La Germania ha in tutto oltre 81 milioni di abitanti.