Fuga da Milano, si compra casa nell’hinterland

I cinesi si spostano da Paolo Sarpi a Mac Mahon

Serena Cipolla

Comprare casa nell’hinterland è la nuova tendenza dei milanesi. Lo afferma uno studio di Tecnocasa che rileva come la maggior parte delle persone in cerca di una abitazione l’abbia acquistata nei comuni intorno alla nostra città. Nei primi sei mesi di quest’anno, infatti, la domanda in queste zone è cresciuta del 10% con un conseguente aumento dei prezzi che però rimangono inferiori a quelli di Milano. Tra le mete preferite Assago dove i valori sono saliti del 10%, ma anche dove una casa nuova costa tra i 2.200 e i 2.800 euro al metro quadrato. Entro il 2008 inoltre è previsto il prolungamento della metropolitana che avrà una stazione al Forum e una a Milano Fiori, una realtà che rende molto appetibile l’acquisto. A Magenta i prezzi sono saliti di oltre il 13% ma sono più abbordabili: si può acquistare tra i 1.500 e i 1.600 euro al metro. In salita dell’11% i prezzi di Cormano ma qui si compra casa con una spesa tra i 1.000 e i 1.900 euro al metro. Aumenti più contenuti sono invece quelli che riguardano Buccinasco e Binasco dove i prezzi sono saliti solo del 5 per cento. A Buccinasco una casa di media qualità costruita dieci anni fa si compra a 2.200 euro al metro per arrivare ai 3.000 in uno stabile di lusso. A Binasco un appartamento oscilla tra i 1.600 e i 2.100 al metro per quello più signorile.
Valori stabili a Corsico dove si acquista tra i 2.000 e i 2.200 euro nella zona che confina con il quartiere Lorenteggio. Si possono realizzare buoni affari invece in Brianza: a Cavenago i prezzi sono diminuiti del 2,7% e a Carate dell’1,5 per cento.
Decisamente diversa la situazione a Milano dove la corsa dei prezzi degli anni scorsi registra una battuta d’arresto in alcune aree: nei primi sei mesi di quest’anno, infatti, sono saliti solo dell’1,7% e dello 0,4% nel centro storico. Galoppano invece i valori degli appartamenti nell’area Navigli e Famagosta dove sono cresciuti del 4,9 per cento. Molto più contenuto il rialzo dei prezzi nelle zone di Città Studi e corso Indipendenza dove sono saliti dell’1,9 per cento. Lambrate è invece il nuovo quartiere alla moda di Milano da quanto si sono installate case editrici, studi di architettura e loft abitati da professionisti meneghini. Nel quartiere popolare di Greco invece è possibile acquistare ancora un bilocale con 140mila euro ed è una delle zone preferite da chi vuole comprare per affittare agli studenti della vicina università Bicocca. In leggera crescita sono anche le quotazioni nella zona di piazza Prealpi e Mac Mahon dove comprano prevalentemente gli extracomunitari e in particolare i cinesi che si spostano da via Paolo Sarpi per trovare prezzi inferiori.
Il 48,2% della domanda è costituito dall’acquisto dei bilocali contro il 47,2% dei primi sei mesi dell’anno scorso, ma cresce anche la richiesta delle abitazioni di cinque locali passata dall’1,8% del 2005 al 2,3% del 2006. Scendono invece gli acquisti di monolocali che hanno registrato una flessione dell’1,2%, mentre la richiesta dei trilocali è in flessione dello 0,3 per cento.