Fuggono all’alt, militare spara: un morto

È finito tragicamente a Giarre (Catania) l’inseguimento a due centauri (su una moto rubata) che non si erano fermati all’alt. Parla il comandante provinciale dei carabinieri, Giuseppe Governale: «Nel corso dell’inseguimento, la moto, allo scopo di schivare un’auto, è rovinata a terra ed è stata evitata dalla nostra macchina con una brusca frenata. A quel punto il nostro operatore è uscito e nella concitazione del momento è partito il colpo». La vittima si chiamava Giovanni Grasso, 31 anni: un proiettile lo ha centrato alla testa. Illeso, invece, l’altro centauro, Antonio Di Grazia, 19 anni. Una tragica fatalità, dunque, secondo l’Arma. Tesi che i familiari di Grasso respingono: «Sono degli assassini - urla la madre della vittima -. Voglio conoscere il carabiniere che ha sparato, per sapere come ha potuto togliere la vita a un innocente».