Fughe di gas, due quartieri col fiato sospeso

Paura, ieri, per due fughe di gas. La prima emergenza è scattata in via Bellerio, intorno alle 10.30. Una ruspa che stava lavorando in strada ha aperto una falla in una tubatura, liberando in breve una consistente quantità di metano. Molti dei residenti si sono precipitati in strada, mentre i vigili del fuoco, i tecnici Aem e le forze dell’ordine hanno provveduto a circoscrivere la zona chiudendola al traffico, e a riparare il guasto. La minoranza in consiglio comunale polemizza con l’azienda che eroga il servizio: «La tubatura era vecchia, e sistemata a non più di 30 centimetri di profondità».
Il secondo allarme è scattato nel pomeriggio in via Buschi, alla periferia nord-est della città. Una fuga di gas, sembra causata da un normale guasto, ha satuturato in poco tempo una cantina. I pompieri, per disperdere la sacca di metano, hanno praticato un varco nel muro del locale. L’Aem, in serata, ha individuato e riparato la perdita. Il tutto senza panico, anche se la palazzina è stata temporaneamente sgomberata.