Fuma in ospedale e si incendia gli abiti

L’anziano, costretto su una carrozzina, è stato soccorso da un infermiere che ha spento il fuoco

Si accende una sigaretta e poi si appisola sulla carrozzina, all’interno di una stanza dell’ospedale dov’era ricoverato. E per poco non si sfiora la tragedia perché coperta e abiti prendono fuoco. Per fortuna i sistemi di allarme hanno funzionato e così si è potuto evitare il peggio, grazie all’intervento di alcuni infermieri e poi di una squadra di volontari.
È successo nei giorni scorsi all’ospedale di Garbagnate Milanese dove è ospite un paziente settantenne con problemi di deambulazione. L’uomo che occupa da solo una delle dieci camerette dell’hospice, a metà pomeriggio si è acceso una sigaretta. Probabilmente era stanco e anche debilitato, tanto da appisolarsi sulla carrozzina col mozzicone fra le labbra. La sigaretta dopo un po’ è caduta sulla coperta di lana che aveva sulle gambe, che ha subito preso fuoco. A svegliarlo di soprassalto è stato il forte calore provocato dalle fiamme che lo stavano velocemente avvolgendo. Il settantenne ha reagito disperatamente gettando la coperta che stava bruciando a terra, ma il fuoco ha intaccato anche il pavimento di linoleum producendo fumo e un forte odore acre.
Le sue grida, ma soprattutto il sistema di rilevazione incendi presente nella camera, hanno fatto scattare l’allarme facendo accorrere un infermiere che, prestati i primi soccorsi al malcapitato, mettendolo in salvo, ha subito provveduto a circoscrivere le fiamme con un estintore. Successivamente è giunta una squadra della Seo che ha completato l’opera, evitando che il fuoco si estendesse alle altre camere. Per l’indisciplinato degente solo qualche scottatura superficiale.