Il funerale alternativo? Parte dal web

Un sito internet organizza l'ultimo addio in modo laico: location, musica e il modo di intrattenere i bambini

Funeralealternativo.org. Il mondo della rete pullula di nuovi servizi, eccone uno dall'apparenza originale, sulle prime non proprio divertente ma poi, visto che sottintende una meta ineluttabile con la quale, prima o poi tutti, dovremo fare i conti, niente male. Rivolto agli atei, sì insomma a chi non crede, è un prontuario del funerale laico. Senza paramenti viola, senza la Croce e senza tutti i simboli che hanno un senso per chi crede. "Proponiamo una cerimonia diversa - si legge sul sito - ossia di invitare in un ambiente accogliente e organizzato le persone che hanno condiviso parti di vita con chi ci ha lasciato. Un modo per affrontare il momento in modo delicato e personale. Perchè è difficile poter ospitare questo tipo di cerimonia nel proprio appartamento, quasi impossibile organizzarla in tempo e seguirne la gestione. Si finisce per salutarsi sul sagrato di una chiesa o davanti a una camera ardente". Già, la domanda che rode come un tarlo "finisce tutto così?" arrovella credenti e non credenti. Il servizio promette puntualità, "in meno di 24 ore siamo in grado di proporvi una location adatta, da quella raccolta a quella più prestigiosa e istituzionale, e tutto il necessario". Nessuna imposizione, gli organizzatori assicurano che si sceglierà di comune accordo "l'addobbo floreale, l'eventuale catering, la musica diffusa o dal vivo". Il pacchetto classico abbraccia tre ore di tempo (ma si può trattare), durante le quali si potrà tenere un discorso, parlare, bere un bicchiere di vino in compagnia e magari dare un'occhiata alle fotografie e ai filmati. Suggerimenti anche per come comunicare la cerimonia e su come intrattenere i bambini. Per info: 342-12.67.307 L'ultimo addio è anch'esso un rito di passaggio, da marcare con l'evidenziatore. È importante per chi resta, è un passo in più verso la conoscenza di sè.