Funerale alla giustizia: fiori listati a lutto al Csm

Il matrimonio dei leader antipolitici Di Pietro-Travaglio-Grillo va a braccetto con un funerale. Quello della giustizia, ovviamente. Giustizia «giustiziata» dallo pseudoregime di centrodestra. Così, a margine della manifestazione di Piazza Farnese, due mazzi di fiori listati a lutto in segno della morte della giustizia italiana, sono stati deposti nei pressi dell’ingresso del Csm. È stata l’Associazione nazionale dei familiari delle vittime di mafia a voler esprimere con questo gesto il proprio sostegno al procuratore di Salerno Luigi Apicella, il magistrato che con la sospensione dallo stipendio e dalle funzioni decisa dal tribunale delle toghe ha pagato il prezzo più alto dello scontro con la procura di Catanzaro sulle inchieste condotte da Luigi De Magistris. A lasciare i fiori davanti a Palazzo dei Marescialli è stata la presidente dell’Associazione, Sonia Alfano, accompagnata da Salvatore Borsellino, fratello del giudice ucciso dalla Mafia. L’appoggio ad Apicella e a due suoi sostituti (trasferiti d’ ufficio) è stato uno dei motivi che ha portato l’Associazione a Roma per la manifestazione in piazza Farnese.