Funziona il piano neve pochissimi voli cancellati

In servizio 150 uomini e 79 mezzi, disagi contenuti soltanto a Linate

Claudio De Carli

Neve fin dal primo mattino, ma disagi contenuti negli aeroporti di Linate e Malpensa. L’emergenza nello scalo milanese è scattata alle otto quando la neve ha iniziato a cadere molto fitta, coprendo presto l’unica pista. La Sea, gestore dell’aeroporto, ha messo in campo tutte le forze disponibili, 150 uomini e 79 mezzi. Pale meccaniche, lame, turbo frese, trattori spargisale, spazzatrici soffianti e gatti delle nevi, in tempi ridottissimi uomini e macchine sono riusciti a liberare pista, vie di rullaggio e piazzali di sosta dove gli aerei erano rigorosamente in fila per le operazioni di deicing e desnowing, i procedimenti per sghiacciare e liberare dalla neve. Nel frattempo altri mezzi spargevano il liquido antigelo sulla pista e dopo alcuni minuti hanno fatto il loro ingresso le due automobili dedicate alla verifica della tenuta dell’asfalto. Sono automobili con una quinta ruota centrale che funziona all’incirca come quelle dei carrelli degli aeromobili, e testano i tempi e i coefficienti di frenata.
Proprio durante una delle prove effettuate con queste macchine è stata decisa l’interruzione parziale del traffico sull’aeroporto dalle 12 alle 12,40. In questo intervallo si è registrata la massima intensità della nevicata sul Forlanini.
Il traffico da quel momento è lentamente ritornato verso la normalità e gli inevitabili ritardi sono stati assorbiti ma nelle prime ore della giornata, per ragioni correlate alla sicurezza, erano stati ridotti gli arrivi a solo quattro all’ora. L’intervento energico delle compagnie aeree ha prima raddoppiato il numero dei movimenti in arrivo e, successivamente, il progressivo ripristino alla normale attività, sempre mantenendo i requisiti di sicurezza. Soddisfatto il presidente Sea Giuseppe Bencini che prima di rilasciare dichiarazioni ha atteso che l’aeroporto tornasse alla sua normalità: «Malgrado la forte nevicata sullo scalo di Linate - ha dichiarato il presidente -, dei 150 movimenti previsti dall’apertura del traffico alle ore 14, è stato possibile effettuare il 95 per cento dei voli». Solo Alitalia ha ritenuto necessario cancellare otto voli.
Diversa la situazione a Malpensa, dove la neve è caduta abbondantemente ma sempre mista ad acqua, quindi non si è mai posata sulle due piste. Anche nell’hub varesino l’emergenza era comunque scattata attorno alle ore otto, ma solo alle dodici è stato sparso, in via precauzionale, il liquido antigelo. Contrariamente a Linate nessuna cancellazione di voli e nessun ritardo.
Il centro meteo dell’Aeronautica di Linate ha previsto pioggia nella giornata di oggi con la colonnina di mercurio che non dovrebbe scendere oltre lo zero con minime che si attesteranno attorno ai due gradi nei giorni di giovedì e venerdì. Secondo il centro meteo le temperature saranno di nuovo in calo nelle giornate di sabato e domenica a causa di una nuova perturbazione.