Funzionario Ue assassinato in Costa d’Avorio

Parigi. Un francese, Michel Niaucel, 53 anni, in missione per l’Unione Europea in Costa d’Avorio è stato assassinato nella notte tra martedì e ieri nella sua casa di Abidjan, la capitale della Costa D'Avorio. Per il momento si ignora se il delitto sia stato compiuto per cause politiche o personali. Si sa solo che l’assassino ha sparato a Niaucel, un ex ufficiale della gendarmeria con la pistola del francese. Il funzionario viveva ad Abidjan con la moglie e la figlia di 13 anni, che erano in casa al momento del delitto. Arrivato in Costa d’Avorio quattro anni fa, Niaucel era incaricato della valutazione dei rischi e della gestione dei contratti per operazioni di sicurezza. Pochi mesi prima in Costa d'Avorio era scoppiata una rivolta militare contro il governo di Laurent Gbagbo, eletto nel 2000. Il tentativo di golpe era fallito ma i ribelli avevano preso il controllo del nord del Paese, a maggioranza musulmana. Nel 2004, in seguito a violente dimostrazioni contro Parigi, 8000 cittadini francesi furono costretti lasciare in fretta e furia il Paese.