FUORI DALLA NOTIZIA - Corbezzoli, questa sì che è una notizia

Le notizie non muoiono sulla carta, né nell'etere, né in Rete. Sopravvivono altrove. Dove, non si sa. Proviamo a immaginarlo.

Le notizie non muoiono sulla carta, né nell'etere, né in Rete. Sopravvivono altrove. Dove, non si sa. Proviamo a immaginarlo.

LA NOTIZIA. - C'è una «pista bulgara» che porta agli alieni? Sì, secondo il quotidiano «Novinar», ripreso oggi dalla Sofia News Agency. Il giornale ha scritto che gli extraterrestri avrebbero risposto a «30 domande» poste loro da ricercatori dell'Accademia delle Scienze di Bulgaria.
«Novinar» sostiene che scienziati dell'Istituto di ricerche spaziali dell'Accademia delle Scienze bulgara starebbero lavorando alla decifrazione di una serie di pittogrammi, realizzati con gli ormai famosi «cerchi» nei campi di grano», con cui gli alieni avrebbero dato soddisfazione alle curiosità degli scienziati bulgari. Dai primi risultati, parrebbe che gli extraterrestri siano particolarmente critici nei confronti del genere umano per il suo comportamento amorale e per la sciatteria nel rapporto con la natura.
«Attualmente sono tra noi, ci osservano per tutto il tempo. Non sono ostili, piuttosto vogliono aiutarci, ma noi non siamo abbastanza evoluti da stabilire un contatto con loro. Sono pronti a darci una mano, ma noi non sappiamo che cosa chiedere loro quando siamo in contatto», avrebbe detto al quotidiano il vicedirettore dell'istituto di ricerca Lachezar Filipov. E come ogni «pista bulgara» che si rispetti, a Sofia mettono di mezzo anche il Vaticano. Filipov, scrive ancora l'agenzia di stampa bulgara, avrebbe detto che anche il Vaticano avrebbe ammesso che gli alieni esistono.
Naturalmente, la notizia del «contatto» tra i marziani e i ricercatori bulgari è stata accolta con un certo scetticismo. Tanto più perché viene in un momento in cui nel Paese c'è un feroce dibattito sulla sopravvivenza stessa dell'Accademia delle Scienze. Proprio la scorsa settimana, sull'argomento, sono volate parole grosse tra il ministro delle Finanze Simeon Djankov e il presidente della repubblica Georgi Parvanov. (fonte: Apcom-Nuova Europa, 23 novembre 2009)

FUORI DALLA NOTIZIA. «Sì, è tutto vero. Quello che dicono giù da voi in Bulgaria è corretto. Frequentavo ancora l'Accademia dei Colonizzatori, 70 anni terrestri fa, quando cominciammo a lanciarvi domande che voi ignoravate, non so se volontariamente o meno. Tuttavia la piega che hanno preso le cose negli ultimi tempi non mi piace per niente».
Il professor Xyz1498, titolare della cattedra di Linguaggi Intergalattici all'Università «Isaac Asimov» di Tau Boötis A, intervistato ieri da «Stargate News», si dissocia dalla strategia di comunicazione adottata dall'Accademia dell'Informazione, l'organismo sovragalattico che regola i contatti alieni con il nostro sistema solare.
«Da quando l'Accademia - spiega -, nel vostro 2001, decise di investire un mucchio di corbezzoli (la bacca del corbezzolo è la valuta che ha corso da oltre un secolo sul sistema Tau Boötis A, ndr) per inviare sulla Terra un milione di Capsule Falciatrici a fare tutti quegli scarabocchi nei vostri campi di grano, non soltanto da noi si sono ridotti i fondi per la Sanità e le Infrastrutture, ma voi, ironia della sorte, siete diventati più dubbiosi sulla nostra stessa esistenza. Quindi, sarebbe ora di cambiare rotta».