Furti in ospedale mentre i pazienti fanno gli esami

Rubava in ospedale. Rubava dal comodino di anziani ricoverati nel reparto di psichiatria. È stato scoperto e denunciato dai carabinieri della stazione di Lavagna, arrivati sul posto mentre ancora il ladro stava cercando di lasciare la corsia. Un reato odioso, ma non certo raro negli ospedali, che viene registrato in particolare in quei reparti dove i pazienti più facilmente possono perdere di vista il loro armadietto e quanto contiene.
L’ultimo colpo è però stato fatale a S.M., un chiavarese di 28 anni, che ha rubato 25 euro dal borsellino di un’anziana ricoverata in psichiatria. La donna si era allontanata dal proprio letto per un esame e aveva lasciato incustodito il proprio comodino all’interno del quale c’era il portasoldi. Al suo ritorno però la donna si è subito resa conto dell’ammanco e ha avvertito il personale dell’ospedale. In pochi minuti sono giunti sul posto i carabinieri che hanno notato il giovane mentre tentava di allontanarsi in tutta fretta dal nosocomio. Fermato e trovato in possesso dell’esatta somma sparita alla signora, ha provato a dirsi estraneo ai fatti, poi ha confessato. Il suo «passato» peraltro era contro di lui: già in passato era stato sorpreso a tentare colpi analoghi.