Furti di rame alle ferrovie: il Lazio è al secondo posto

Il Lazio si piazza al secondo posto per il numero di furti di rame lungo le linee ferroviarie immediatamente dopo la Campania. Lo rivela la polizia ferroviaria che ha concluso la sesta fase dell’operazione «Oro rosso», per il contrasto al fenomeno lungo la linea ferroviaria, nel corso della quale sono stati effettuati controlli in 963 esercizi commerciali di compravendita di materiale ferroso, che hanno consentito di indagare ulteriori 23 persone, di arrestarne 6, di recuperare 7 tonnellate di rame sottratto a Rfi, per un valore approssimativo di 50.792 euro. Complessivamente le sei fasi dell’operazione hanno portato, dal 1° maggio dello scorso anno a oggi, all’effettuazione di 6.509 controlli, al sequestro di 514 tonnellate di rame sottratto alle ferrovie per un valore di circa 3.600.000 euro, nonché a indagare 566 persone, di cui 210 in stato di arresto. L’attuazione di questa strategia investigativa ha provocato, in ogni caso, un cospicuo decremento del quantitativo di rame rubato.