Furti di rame e vandalismo: sospetti sui rom

Novanta metri di cavi di rame rubati dai container industriali vicini, 430 metri danneggiati, recinzioni distrutte, cartelli stradali divelti, una colonnina antincedio in frantumi. È il bilancio della notte scorsa al campo rom di via Triboniano, secondo quanto rilevato dalla polizia locale, che nel constatare i danni ha recuperato circa 200 metri di cavi sfibrati abbandonati sul muro di via Barzaghi. Una denucia penale è stata esposta contro ignoti, mentre il vicesindaco e assessore alla Sicurezza, Riccardo De Corato, ha annunciato di voler fare chiarezza sul grave episodio. «È un brutto segnale, un passo indietro nel processo di regolarizzazione dell’insediamento. Ho chiesto un incontro con il prefetto Lombardi e l’assessore Moioli. Dobbiamo far capire alla comunità rom che non ci sarà un’altra possibilità in caso di nuovi reati». L’ultimatum di De Corato è chiaro. «Non sarà difficile capire chi è stato, una volta individuati i colpevoli, per loro scatterà l’epulsione dal campo - ha continuato il vicesindaco -. In ogni caso, questo dimostra quanto la zona abbia bisogno di un adeguamento dell’organico di sorveglianza. Evidentemente, una pattuglia di polizia e una di vigili non basta a garantire l’ordine pubblico, soprattutto di notte». Da quando l’area è stata bonificata non si erano ancora registrati simili casi di danneggiamenti.