Furto nella casa londinese di Amy Winehouse Rubate lettere della cantante e testi inediti

Non rubano oggetti preziosi, ma si concentrano su testi inediti e lettere inviate dall'artista. Sospettate venti persone che avrebbero avuto accesso alla casa di Camden. Tra queste amici della Winehouse e i poliziotti che effettuarono i primi sopralluoghi

LONDRA - Non finisce di fare notizia la morte di Amy Winehouse. Dopo lo sfruttamento commerciale dell'immagine della cantante da parte di politici e spacciatori, fa scalpore il furto di lettere e testi inediti dalla casa della diva inglese. Il padre della Winehouse ha denunciato il furto di libri di poesie, lettere e numerosi testi destinati a costituire l'ossatura delle sue future fatiche musicali. Sospettati del furto una ventina di persone che hanno avuto accesso alla casa di Camden, in cui Amy è deceduta. Tra gli accusati amici, parenti e anche i poliziotti che hanno effettuato i primi sopralluoghi. Particolarmente grave il furto dei testi inediti della Winehouse, sulla cui sorte la casa discografica non aveva ancora deciso.